domenica 22 MAGGIO 2022
blank
 
chi siamo 
contatti

A tutte le vere Mamme

la scena delle donneIl primo augurio per la festa della Mamma è per la prima mamma nel cuore della redazione di Napoli Click: Maria. E poi per tutte le vere mamme, donne, uomini o trans l'augurio di un nuovo presente.

Maria, prima bellissima mamma. A lei va il nostro pensiero, laico o religioso che sia, perché l'origine del mondo è femminile. Incomprensibile come le donne nel mondo possano essere ancora tanto mortificate, violate, non rispettate. Esse rappresentano in se la Vita e solo per questo dovrebbero essere messe un gradino al di sopra di tutto. Così come al di sopra di tutto dovrebbero essere messi i bambini e il loro diritto ad un amore materno sincero e puro. Di questo sono capaci o completamente incapaci le persone, al di là del sesso. E questo è ben evidente nella tragedia di Caivano che ha visto coinvolti uomini terribili, ma anche donne che del cosiddetto "istinto materno" erano sprovviste. Un evento che dovrebbe chiamare a precisa responsabilità tutti i napoletani. D'altra parte ci sono coppie che si amano e avrebbero tanto amore da donare a bambini abbandonati, abusati, soli. Queste "mamme", uomini, donne o trans, persone capace di amore puro e sano, dovrebbero avere il diritto di adottare o avere in affido un bambino nato biologicamente da genitori che non possono definirsi tali e che avrebbe diritto a una nuova nascita. Inoltre ci auguriamo che l'amministrazione che governerà la città nei prossimi anni pensi alle mamme e ai bambini come presente e non come futuro di Napoli. Ai bambini napoletani e ai bambini che di Napoli hanno fatto la loro patria. Provvedendo ad investire risorse sostanziali e non residuali nel Welfare, una parola troppo spesso demagogica che invece ha un significato molto concreto e misurabile con precise quantità e qualità: in ogni quartiere assistenti sociali, psicologi appositamente formati e programmi di accompagnamento alla genitorialità per famiglie con problematiche sociali economiche e culturali; asili per mamme che lavorano o vorrebbero lavorare; una scuola che faccia tesoro ed esperienza delle differenze e valorizzi ogni singolo bambino; percorsi post carcerari e inserimento in nuove famiglie per i minorenni e i giovani che dopo il carcere non possono tornare nel quartiere di provenienza; programmi di integrazione e inserimento socio-lavorativo dei rom e dunque dei loro bambini a scuola. Progetti che vedano coinvolti non campioni di parte dei bambini della città ma tutti i bambini bisognosi, non programmi che funzionino a singhiozzo, non solo eventi culturali cui partecipano puntualmente una platea di mamme già provviste degli strumenti culturali adeguati a crescere i propri figli, ma progetti, o meglio dire servizi, dedicati alle mamme che mai hanno letto un libro o sono andate ad un concerto o a teatro, mamme vittime di abusi, mamme chiuse nei quartieri ghetto, mamme Cenerentola che hanno sempre lavorato in casa. Troppo spesso e ancora nella "accogliente" Napoli ci si accorge dei bambini e dei ragazzi disagiati solo perché devianti e in questo "fastidiosi" e non si fa abbastanza per prevenire il dolore e la precarietà che è celato dietro le piccole vite "delinquenti".

festa della mamma 1

 D'altra parte a Napoli ci sono tante esperienze emblematiche di singoli gruppi che l'amministrazione pubblica dovrebbe prendere ad esempio. Pensiamo, solo per citarne un paio, al bellissimo laboratorio teatrale "La scena delle donne" di f.pl. femminile plurale a cura di Marina Rippa e Alessandra Asuni realizzato a piazza Forcella con le donne-mamme del quartiere oppure a Casa Lorena dove attraverso la dolcezza della fabricazione di marmellate si cerca di dare una prospettiva lavorativa a donne vittime di violenza.

Pensiamo al Centro Territoriale Mammut, che con il suo potenziale affettivo, creativo ed esperienziale rappresenta a tutti gli effetti una grande Mamma-elefante per i bambini multicolore di un quartiere grigio quale Scampia. Per chi non lo conosce e volesse scoprirlo, può partecipare con i suoi bambini alla ricerca di Pan -  Caccia al tesoro spettacolo con evento gastromusicale il 12 maggio  in piazza Giovanni Paolo II a Scampia. Si tratta dell’ottava edizione del Mito del Mammut che fa parte della ricerca Mammut tesa a ricollegare la scuola con la salute degli individui e dei territori, non con super controlli e ansia isterica, ma  riconnettendo adulti e bambini a passioni e emozioni autentiche ( ricerca  documentata in “Come far passare un Mammut attraverso una porta – senza buttarla giù”, ed. Il Barrito del Mammut, 2014, Napoli).

Altra esperienza di grande spessore umano e culturale è Arrevuoto progetto di teatro e pedagogia dedicato agli adolescenti delle scuole del centro e delle periferie di Napoli a cura di Maurizio Braucci. La dodicesima edizione culmina nello spettacolo in scena il 7 (alle 21.00) e l'8 maggio (alle 18.00) al teatro San Ferdinando, L’ispettore generale ovvero il mestiere della corruzione da Nikolaj Gogol. Quest’anno il percorso laboratoriale svoltosi nel corso di circa sei mesi nelle scuole e spazi interessati ha coinvolto oltre 150 giovani partecipanti tra i 9 e i 20 anni, e una decina di adulti, guidati da un gruppo di registi e di educatori. Oltre le scuole – medie, elementari e superiori – partecipano al progetto associazioni, cooperative e spazi occupati della città e del territorio a comporre una comunità trasversale vogliosa di parlare alla città “con l’energia della spontaneità critica, in uno spettacolo esplosivo”  (info: www. teatrostabilenapoli.it).

festa della mamma 2

Per le mamme e i bambini Napoli offre diverse iniziative dedicate questo week-end: - A Città della Scienza Per tutte le mamme il biglietto di ingresso sarà omaggio. I bambini piccoli (da 3 a 6 anni) potranno realizzare in Officina dei Piccoli “cuori di ciondoli” da regalare alle loro mamme. I più grandi  (da 6 a 10 anni) prepareranno ricette sane e innovative con l’alga spirulina, con un laboratorio di biscotti in Officina dei Piccoli. Nella mostra Mare potranno colorare e poi animare la diade madre bambino dei delfini e osservarli muoversi nell’acquario virtuale. In zona Assaggi di Scienza ci saranno esperimenti sulle e con le uova: dal micro al macro, con osservazione al microscopio delle uova di varie specie animali; saranno illustrati modellini di creta inerenti le prime fasi dello sviluppo embrionale a partire dallo zigote. Infine saranno condotti esperimenti scientifici per approfondire le proprietà nutrizionale delle uova. Nella Casa degli insetti i visitatori potranno scoprire come si comportano gli insetti mamme con i loro figli … e capire la diversità con le tecniche di accudimento dei mammiferi. Nel Giardino invece si prepareranno bellissimi fiori di origami. Ed inoltre, con l’aiuto della mamma, una divertente Caccia al tesoro alla scoperta del mondo animale e vegetale. Con “Tesoro di Mamma”, il tesoro sarà un regalo che i bambini offriranno alle loro mamme.

festa della mamma 3

 -Il Museo MADRE di Napoli invita domenica 8 maggio 2016 tutte le mamme a trascorrere gratuitamente una giornata al museo con i loro figli per ammirare insieme le collezioni del museo e per scoprire Axer / Désaxer,l'intervento di dimensioni architettoniche, concepito dall’artista francese Daniel Buren appositamente per l’atrio dello storico Palazzo Donnaregina. Questa grande “macchina scenica”, composta da superfici colorate e specchi, attraversata dalle caratteristiche strisce bianche e nere di 8,7 centimetri (ricorrenti degli interventi in situ dell’artista), agisce sul punto di vista dello spettatore invitandolo ad elaborare sempre nuove prospettive. Partendo dalle suggestioni di quest'opera, il MADRE invita tutte le mamme a condividere con i propri figli il punto di vista sulle opere in collezione e i linguaggi del contemporaneo. Riflessioni ed emozioni di adulti e bambini potranno essere condivise sui social del museo (@Museo_MADRE per Twitter efacebook.com/madrenapoli).

-E infine un pensiero a tutte le donne vittime di tumori. Domenica 8 maggio torna l'appuntamento con l'Azalea della Ricerca. Con un contributo di 15 euro in tante piazze napoletane si potrà acquistare l'Azalea della Ricerca, un regalo speciale per la Festa della Mamma e un gesto concreto a sostegno dei progetti di ricerca sui tumori femminili. I volontari di AIRC ti aspettano in piazza. Per trovare le piazze: www.lafestadellamamma.it/trova-la-piazza.

festa della mamma 4

L'Autore
Sociologa, giornalista pubblicista e appassionata di fotografia, è specializzata nel giornalismo sociale e di viaggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500